La presentazione della stagione Teatrale 2012-2013

(riceviamo e pubblichiamo)

L’Amministrazione comunale invita tutti i cittadini alla presentazione della stagione teatrale 2012-2013 questa sera alle ore 21:00 presso la Sala Isotta di CorTe – Coriano Teatro.

 

14 Responses to La presentazione della stagione Teatrale 2012-2013

  1. Orietta says:

    Che tempismo di comunicazione questo ufficio stampa , giusto 5 ore prima, andiamo tutti a sentirci raccontare perché hanno affidato 52.000 euro ad una compagnia teatrale….??? spendendo in quest’ anno ulteriori 17.000 euro per il teatro. un vero modo di affrontare la tanto amata Spending Review. Ma è vero che Pasquale Mancini il portavoce del Sindaco durante la Campagna elettorale e a tutt’ oggi la sua ombra, oltre a essere il moderatore di questo BLOB lavora o ha lavorato per la Compagnia Fratelli di Taglia ?
    E voi cari amministratori del Blog lo sapevate.già…quando è uscita la notizia il 16 ottobre della lotta alla concorrenza per il teatro della zona sud e l’ affidamento ai Fratelli di Taglia????? Ho cercato di leggere la delibera di affidamento e dire che è poco chiara è un eufemismo, magari voi addetti stampa sapete spiegare meglio, grazie.

    Ah, il nuovo che avanza, prima incarichi ai grillini, poi se la prendono con 4 vecchi, per poi dire che li amano tanto e che pagheranno loro le rette presso le residenze anziani di lusso spendendo ben più dei 100.000 euro di cui si lamentano ora, ed infine affidamento diretto per 52.000 euro in odore di palese conflitto di interessi, è proprio vero che la gestione della cosa pubblica è un vero terno al lotto. Av salud

    • Merak says:

      Orietta ma lei è la sorella di Luca Morri?
      Le balle che raccontate vi accomunano molto.

    • Sig. Orietta (ammesso e non concesso che questo sia il suo vero nome),
      vorrei sapere che problemi ci sono se Pasquale Mancini lavora per la Compagnia Fratelli di Taglia e il fatto che sia uno dei amministratori di questo blog?
      Me lo spieghi perchè sono veramente curioso.

      Fabio

  2. Ghibli says:

    Teatro Corte… quanto spenderemo?

    Dal corriere della Romagna di oggi (23/10/2012) si evince che la fondazione Corte che ha operato dal 28 dicembre 2008 al 2011,chiuderà il bilancio consuntivo 2011 in pareggio.

    Gli sponsor avevano messo 118.000 euro ed il comune 40.000 euro.
    I ricavi ammontano a 37.000 euro.
    Il costo di utenze, pulizia, manutenzione è pari a 41.300 euro.

    Quest’anno … continua l’articolo, sebbene i nuovi amministratori di Coriano……. non abbiano voluto rendere noto l’investimento del comune, dalla delibera pubblicata sull’albo pretorio si evince che la rassegna teatrale costerà 52.100 euro per la stagione 2012-2013.

    Inoltre non essendoci più la fondazione bisognerà prevedere ulteriori esborsi per le spese vive (utenze, pulizia, manutenzione) ed il personale.

    Alla fine della fiera avete capito quanto spenderemo…..?????

  3. Orietta says:

    Caro Fabio, ammesso che questo sia il suo nome, come si suol dire sono basita…
    scrivono qui sopra cani e porci con i nomi più fantasiosi della galassia e chiedete il mio curriculum ogni volta che scrivo…?
    vi siete battuti per anni per una gestione indipendente del teatro e poi affidano ad un uomo dell’ amministrazione il governo della cosa pubblica senza una gara che possa definirsi tale e per voi va tutto bene ? Comunque io ho fatto delle domande precise, perchè dagli atti che ho letto, non ho potuto capire e siccome voi siete più bravi a capire e più informati ho pensato che potevate delle spiegazioni.
    Le ripeto :
    perchè non si è atteso che la fondazione finisse l’ anno e continuasse a pagare le utenze e forse dare gli spettacoli già programmati risparmiando 17.000 euro ?
    Cosa è incluso nella delibera 72 del 18 ottobre per la cifra di 52.000 euro ? solo i 16 eventi in programma allegati alla delibera?
    A questo punto vi chiedo anche, visto che voi lo sapete:
    chi è Merak…? Una stella, un porto, una casa di registrazione o un pallone aereostatico?
    Oggi è una giornata troppo triste per perdersi in queste cose, a domani

    Orietta

    • Merak says:

      Un modello di auto per la precisione una Maserati e io uso lo pseudonimo che più mi piace CHIARO.
      MERAK.

    • gianluca scarpa says:

      Condivido… , che la Fondazione , se non c’erano altri impedimenti, avrebbe dovuto chiudersi il 31 dicembre 2012 , così avremmo risparmiato mi pare € 17.000 !!! non sono POCHI ! Quanto al nuovo incarico vedremo i risultati , sicuramente , già dopo quattro cinque mesi potremo capire se è stata una scelta infelice o fruttuosa.
      Personalmente vedevo meglio il Teatro in mano all’ Assessorato competente con la collaborazione della biblioteca e il contributo del suo direttore Zaghini che sul piano delle competenze professionali lo ritengo eccellente , poi si poteva come supporto coinvolgere anche le scuole … il Teatro è una palestra per le menti si possono fare un’infinità di attività , vedremo .. per giudicare , ma mi pare che siamo partiti già a meno – 17 mila da sommare a quanto speso per il 2012 , ricordiamoci che sono SOLDI NOSTRI !!! VORREI UNA PRECISA RISPOSTA , senza polemica grazie.

  4. alfredo1958 says:

    Ciao
    Ieri sera è stata presentata al teatro corte la rassegna teatrale 2012/2013 con i relativi programmi
    sulla stagione , il programma e stato spigato molto bene nei suoi particolari con tantissime
    serate programmate. Una cosa che o apprezzato moltissimo e stato il coinvolgimento del gruppo
    teatrale di SAMPATRIGNANO questo e un passo molto importante di cui dobbiamo essere
    orgogliosi,e un primo posso speriamo che ci siano altre iniziative per poter coinvolgere
    questa comunità presente nel nostro territorio,in poche parole sembra che il teatro stia tornando
    ai cittadini, perche dico questo:
    perche e stata fatta richiesta al Comune di poter fare DUE serate all interno della manifestazione
    fiera dell ulivo una il 17/11/012 e una il 24/11/012 il quale si fa presente che tutto il ricavato
    delle due serate andrà in beneficenza e le spese saranno a carico della pro loco con il ricavato
    delle manifestazioni penso che questa sia una buona partenza. A volte non si condividono le stesse cose
    e ci si scontra,ma anche questo fa parte della politica ma quando uno individua o vede delle cose
    giuste le dovrebbe apprezzare a prescindere da chi li propone. Adesso arriva il dolo le spese, a
    sentire la giunta con le spiegazioni date le spese per il mantenimento del teatro sono di circa
    46000/48000 mila euro annui non so quantificare se per mantenere attivo questo teatro siano pochi
    o tanti,ma per un comune con un debito cosi elevato qualche dubbio resta,oppure avranno pensato
    che pur tenendolo chiuso avrebbero avuto le stesse spese per non mandarlo in rovina: dopo tutto
    quello che e costato. Iniziamo a godercelo andando al teatro anno detto che l ingresso costerà
    meno che andare al cinema . Speriamo che gli importi detti euro più euro meno non lievitano
    perche a questo punto tutto questo lavoro sarebbe nullo. Grazie Tuppi Alfredo

    • marco says:

      Perchè Signor Alfredo dice che il teatro sta tornando ai cittadini? Le è stato mai impedito di accedervi.
      Io penso che chi non abbia voluto usufruire della struttura lo abbia fatto per antipatia della Fondazione Corte, o per rabbia per i tantissimi soldi spesi per ristrutturare l’immobile o più semplicemente perchè non gradiva la programmazione, tutte le ipotesi sono plausibili ma non credo( mi auguro) sia stato mai impedito a nessuno di partecipare ad uno spettacolo o ad un laboratorio o a qualsivoglia attività !

  5. Orietta says:

    Caro Fabio ti chiedo scusa, per aver usato il modo di dire cani e porci, ma ero troppo arrabbiata e delusa, perché avevi messo in dubbio la mia identità. Ti avevo già detto che trovo questo spazio molto prezioso e ancora una volta ti ringrazio, ma credo che le persone che danno il proprio contributo esponendo la propria opinione vadano trattate con maggior sostegno.
    Tu sai benissimo chi sono, perché te l’ ho già detto, credo che poi come amministratore vedi benissimo l’ indirizzo mail oltre l’ id.
    Io non metto più il cognome per scelta di protesta e di protezione, verso chi utilizza molte identità per coprire, come dice il Sig. Aldo, dei ruoli istituzionali, manipolare e sfogarsi impunemente.
    Non so che tipo di provvedimenti andrete ad adottare, vi auguro buon lavoro.
    Mi trovo in linea con l’ intervento del Sig. Scarpa, non capisco perché si continuano a dare appalti all’ esterno quando le amministrazioni hanno le risorse per fare. I dipendenti vanno fatti lavorare…mentre ormai gli amministratori non sono più capaci di farlo o preferiscono far lavorare altri , ma così lo stato va a rotoli.

  6. Robero Casadei says:

    A questo punto qui e’ necessario citare Erasmo da Rotterdam……..

Leave a Reply

%d bloggers like this:
Website Apps